teatro   circo   danza

QUINZIO QUIESCENTI

Si laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Universita di Palermo. Durante i primi anni universitari si avvicina al mondo del teatro e subito dopo a quello della giocoleria. 

Lavora con Luciano Nattino, della Casa degli Alfieri, e subito dopo incontra Carlos Riboty, regista peruviano, Mario Delgado (Cuatrotablas, Perù), Julian Vargas (Yuyaskhani, Perù) ed Eugenio Barba.

Conclusa l’esperienza con la compagnia di Riboty, decide di dedicarsi per tre anni allo studio della giocoleria, specializzandosi nella manipolazione di oggetti, in Italia e all’estero con giocolieri di diverse scuole (tradizionali e contemporanee) e si dedica al volteggio a cavallo con artisti del Cirque du Soleil.

Dal 2005 segue il lavoro di Ewa Bennezs e fa parte di un progetto di studio e di ricerca sul tema della Genesi. 

Dal 2009 partecipa alla messa in scena delle opere liriche dirette dalla regista Emma Dante. Collabora da anni con Civilleri/LoSicco (“Educazione Fisica” prodotto da CRT di Milano; “Boxe attorno al quadrato” prodotto dal Teatro Nazionale della Toscana). 

Fa parte dell’associazione Tanto di Cappello che organizza il festival di circo contemporaneo “Valdemonefestival”.

Dal 2016 entra a far parte dell’associazione Quintoequilibrio ed è autore e interprete di : Una vita a matita ed Esco, così mi perdo